Io non ho mani che mi accarezzino il volto…

Il lunedì di Pasqua nella nostra parrocchia è tradizionalmente legato al gruppo de CV-AV (Cuori valorosi-anime valorose), una sorta di azione cattolica dei ragazzi ivoriana. Le altre comunità organizzano la ”Galilea”, ovvero una gita fuori porta ricordando l’apparizione di Gesù in Galilea, ma a Saint Maurice si resta in parrocchia celebrando la festa di questoContinua a leggere “Io non ho mani che mi accarezzino il volto…”

Sorrisi e conchiglie

Rientro in camera dopa aver accompagnato i nostri ospiti all’aeroporto e mi ritrovo, lasciato a sorpresa da don Massimo e don Sergio, uno splendido sorriso disegnato sulla scrivania con le conchiglie di mare raccolte insieme e penso a tutti i sorrisi vissuti in questi ultimi giorni con i nostri ospiti. Don Massimo, responsabile del centroContinua a leggere “Sorrisi e conchiglie”

Uno, nessuno, 643…

Sono 643 cresimati che ballano pieni di gioia dopo aver ricevuto l’unzione dello Spirito. L’Africa è anche questo, folle oceaniche e ritrovi immensi, Chiese piene si giovani con fiammate di entusiasmo incredibili. Il Vescovo avrebbe dovuto celebrare le cresime in maggio, ma in quel periodo le Chiese non erano ancora aperte a causa delle limitazioniContinua a leggere “Uno, nessuno, 643…”

Maremma sdraiata!

“Maremma sdraiata!” “Mahe” “no,no” “RE RE Maremma” “Mare ma” … ci provo e ci riprovo, ma insegnare ad una bimba africana sorda a dire “maremma sdraiata” è impresa a dir poco ardua, ma per ingannare il tempo del viaggio di ritorno proviamo pure questo. Sono le parole d’esclamazione che diceva sempre mio nonno e miContinua a leggere “Maremma sdraiata!”

Voci

Era la mia prima estate da seminarista, dopo l’anno propedeutico, sarei entrato a settembre in teologia e, durante l’estate, ero stato mandato all’istituto Cottolengo di Torino per vivere un’esperienza caritatevole con i disabili gravi. Da Torino ero partito per un piccolo paese delle montagne piemontesi: Viù, dove i disabili trascorrevano le loro vacanze. E lìContinua a leggere “Voci”

Qualcuno più giovane di me…

Non mi era mai capitato di celebrare un funerale di qualcuno che fosse più giovane di me. A Boltiere avevo conosciuto ed assistito bambini, adolescenti e giovani anche gravemente malati, ma, grazie al cielo, tutti sono guariti. Mi è capitato in questi giorni, in questa terra così giovane, così particolare e così ricca di contraddizioni.Continua a leggere “Qualcuno più giovane di me…”

A Fria paooo!

A fria paooo, è l’augurio che si donano gli Agni (popolo ivoriano della zona di Agnibilekrou) per il nuovo anno! Un saluto che ho conosciuto in occasione della festa degl’ignami che segna, nel calendario dei popoli Akan, l’inizio di un nuovo anno tradizionale. L’igname è un tubero molto diffuso in Costa d’Avorio, molto nutriente, cheContinua a leggere “A Fria paooo!”